La cultura antimafia cresce a scuola, nonostante il Covid

Giovani | 6 novembre 2020
Condividi su WhatsApp

Nonostante il Covid-19 l'attività culturale ed educativa del Centro Studi  Pio La Torre non si è fermata grazie alla collaborazione volontaria dei suoi soci, del comitato scientifico e dei giovani del Servizio Civile.

Da ben 14 anni il Centro utilizza le videoconferenze per collegarsi con tutte le scuole italiane (pubbliche, private, delle case circondariali) che condividono annualmente il suo progetto educativo antimafia e antiviolenza.

Nel momento in cui la pandemia ha costretto le scuole alla didattica a distanza (DAD), il Centro non ha avuto alcune difficoltà a condividere con le scuole le nuove tematiche del progetto.

La collaborazione ha riscosso nuove adesioni.(oltre cento scuole nella prima videoconferenza).

Dalla lettura degli attuali scritti dagli studenti e pubblicati sul sito del Centro e nella sezione junior di Asud'Europa, si può trarre qualche breve considerazione sulla ricaduta del lavoro educativo svolto dagli insegnanti e del contributo culturale del Centro.

Dai licei di Fondi (Latina) a quelli di Siracusa, dai ragazzi di Sutera a quelli di Mussomeli (aree interne della Sicilia) emerge l'interesse con cui è stata seguita la prima videoconferenza del 2020 del Centro, la partecipazione degli studenti di Mussomeli a un progetto europeo di Erasmus.

Da Fondi a Mussomeli, da Como a Palermo, cioè dal Nord al Sud, dai grandi centri urbani a quelli delle aree interne si nota un legame culturale di ripudio netto delle varie forme di violenza e la domanda “cosa posso fare io?” per contrastarle.

Cioè un impegno che prefigura una partecipazione attiva alla “civitas”.

L'altro progetto che si può rilevare tra gli studenti delle altre cento scuole è la percezione corretta del fenomeno mafioso come sistema criminale che coinvolge pezzi di società, di politica, di finanza, di economia, di ceti professionali; che sa usare le nuove tecnologie informatiche e la globalizzazione del sistema economico; che sa penetrare negli apparati istituzionali e trasferire i ricavi delle sue attività illegali in attività legali; che sa approfittare della pandemia per acquisire nuovi consensi sociali e vantaggi con forme ipocrite di assistenza caritatevole o di usura e tentativi di sfruttare le risorse finanziarie europee destinate alla ri-crescita del Paese.

Tutto ciò si evidenzia anche tramite le attività educative scolastiche solleticate dai docenti particolarmente sensibili che da tempo rivendicavano la necessità di ripristinare l'educazione civica come materia di studio obbligatoria; oggi diventata realtà per decisione del governo dall'anno scolastico in corso.

Alle scuole il Centro ha offerto, in collaborazione col Miur, con la rete delle scuole-( Liceo Classico Vittorio Emanuele II di Palermo (capofila), del Liceo Ciceri di Como, dell'ITI di Fondi- Ist. Pacinotti-) di accompagnare i giovani nella loro crescita e sviluppo culturale, per formare le loro competenze e creatività che aiuteranno il Paese per il suo sviluppo futuro.

L'obiettivo è fornire alle nuove generazioni tutte le informazioni utili per riconoscere il fenomeno mafioso e i sistemi criminali, per contrastarli e rivendicare dalle classi dirigenti l'impegno a combattere qualsiasi protezione e collusione politica con essi, per avere la certezza di un futuro democratico e di crescita economica e sociale.

 di Vito Lo Monaco

« Articoli precedenti

Progetto educativo antimafia 2020-2021
L'educazione civica torna a scuola
asud'europa
Assessorato Beni Culturali
Archivio digitale Pio La Torre
MIUR
Donaci il 5x1000
Iscriversi al Centro Pio La Torre
News en
Europe 4 all
Amoru
Europe 4 all
RASSEGNA VIDEO
12 Novembre 2020 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam WQ717
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
La Marcia di Pio
Memoria fotografica