Comunicati stampa

37° anniversario della marcia popolare antimafia Bagheria-Casteldaccia
lunedì 24 febbraio 2020

Appuntamento mercoledì 26 alle 8.30 all'Istituto Carducci di Bagheria

In cammino contro le mafie come il 26 febbraio di 37 anni fa, cittadini e amministratori, laici e religiosi, sindacalisti e volontari. Riparte da Bagheria, mercoledì 26 febbraio, la prima marcia popolare antimafia che si concluderà a Casteldaccia, lungo quella strada provinciale n.88 dei Valloni ora intitolata “della marcia antimafia 1983” e a lungo utilizzata dai killer come via di fuga. È l'iniziativa promossa dal Centro studi Pio La Torre che, insieme alla rete delle scuole Bab El Gherib, ha mobilitato tutti a partecipare nel 37° anniversario, prima con assemblee nelle scuole e consigli comunali aperti al pubblico nel comprensorio, e ora in corteo.

Appuntamento mercoledì 26 febbraio a Bagheria, in via Diego D’Amico, alle 8.30 all'istituto “Carducci” da dove, alle 9, partirà il corteo diretto a Casteldaccia. “La marcia del 1983 fu definita popolare perché promossa dal Comitato popolare di lotta contro la mafia di Casteldaccia, epicentro degli assassini della seconda guerra di mafia – spiega Vito Lo Monaco, presidente del centro Pio La Torre – ma oltre alle adesioni dei sindacati, Caritas, Arcidiocesi e terzo settore, spicca la partecipazione in un fronte compatto delle associazioni antimafia come Libera, Fondazioni Borsellino, Chinnici, Costa, Falcone, Centro Impastato e CELM (Comitato Europeo per la Legalità e la Memoria), a ribadire la necessità di un'antimafia vera, di lotta, e non parolaia. Il 37/mo della marcia Bagheria – Casteldaccia – conclude Lo Monaco - coincide con i 40 anni della morte di Piersanti Mattarella e con i 20 anni dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale siglata a Palermo nel 2000”.

A partecipare saranno professori e cittadini che nel 1983 erano studenti, in un passaggio di testimone nell'impegno civico: tutti chiederanno libertà per il ricercatore recluso in Egitto Patrick Zaki e verità per Giulio Regeni, come per tutti i delitti politico - mafiosi delle guerre di mafia del nostro Paese. Infine, dalla piazza Matrice di Casteldaccia ci saranno i saluti del presidente del centro Pio La Torre, Vito Lo Monaco, della coordinatrice della Rete Bab El Gherib, la professoressa Maria Grazia Pipitone, del sindaco metropolitano Leoluca Orlando e di don Cosimo Scordato.

Alla manifestazione hanno aderito: Cgil, Cisl, Uil, Acli, Arcidiocesi, Chiese locali, Città Metropolitana e Comuni di Altavilla, Bagheria, Baucina, Casteldaccia, Ficarazzi, Misilmeri, Santa Flavia, Villabate, Erripa centro studi “Achille Grandi”, Anpi sezione di Bagheria, Associazione 'Officina Cambiamenti' di Casteldaccia, Caritas diocesana, Consulta giovanile di Bagheria, Rotary distrettuale, Gal metropoli Est, Casa dei Giovani, e le seguenti associazioni antimafia - Centro studi Borsellino, Fondazione Chinnici, Fondazione Costa, Fondazione Falcone, Celm, Centro studi Impastato e No Mafia Memorial, Libera, Lions di Bagheria, CELM.

L'ufficio stampa,
Antonella Lombardi
3407251712


Commenti

Nessun commento scritto
 
  Scrivi un commento
Email Immettere l'email
Password Immettere la password
Salva login
Commento Scrivere il commento
Caretteri disponibili
 
  Hai dimenticato la password? | Non sei registrato?
asud'europa
Assessorato Beni Culturali
Iscriversi al Centro Pio La Torre
Progetto educativo antimafia
News en
Europe 4 all
Amoru
Europe 4 all
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
24 Febbraio 2020 | Commenti (0) | Parti video 1

20 Febbraio 2020 | Commenti (0) | Parti video 9

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam 5WO7G
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica